CortoConfine porta le menti a ragionare sul concetto di “confine”, che può essere valicato, percorso insieme a qualcuno o da soli, che può essere distrutto o eretto, che causa guerre o crea la pace, che unisce o divide, che non esiste, che fa pensare a masse umane in movimento, in ogni tempo, in ogni luogo, oggi più che mai. Il confine può anche essere quello dell'animo umano, chiuso o aperto, malato, infelice o felice, dalle mille sfaccettature, complesso o semplice, pulito, limpido, liquido.

Si potrebbe parlare all'infinito del concetto di confine, e all'interno di esso un intero mondo dell'arte artigianale dei filmaker potrebbe costruirvi storie audiovisive di ogni tipo, sia reali che di finzione.

CortoConfine fa pensare anche ad un cortometraggio che abbia il fine di trasmettere qualcosa di grande, emozioni, sensazioni di ogni tipo, pensieri, azioni da compiere, politica da attuare, città da vedere o da cui scappare, impegno sociale, territori da scoprire o da far scoprire, mestieri perduti o nuovi, amore, odio, poesia, inganni. Fa pensare a tutto!

Il Film Festival vuole avere l'ambizione di diventare un punto di riferimento fondamentale per gli artisti del Cinema e per tutte le Scuole che hanno qualcosa da raccontare, da far vedere, da trasmettere con un video, attraverso punti di vista nuovi che ci aiutino a capire l'uomo che verrà, l'uomo di oggi o l'uomo che è già passato: la storia passata, il presente, il futuro.

Vogliamo che diventi un volano di iniziative culturali per tutto il territorio circostante. Immaginiamo di portare gente da tutto il mondo qui, a Padernello e d'intorni, per far conoscere la bellezza e la cultura del posto, attraverso eventi collegati al Film Festival.

La Fondazione Castello di Padernello è l'ente che ha il compito di gestire recuperare e promuovere il Castello e il borgo di Padernello, nella Bassa bresciana.

La Fondazione promuove CortoConfine IFF.

Qualcuno disse che se un sogno viene fatto da una sola persona rimane tale, ma se molte persone fanno lo stesso sogno c’è buona probabilità che si realizzi.

​Il Castello di Padernello già Castello Martinengo-Salvadego è stato acquistato il 31 maggio 2005, con un'operazione pubblico-privata, dal Comune di Borgo San Giacomo per il 51% e per il 49% da privati. Successivamente la quota dei privati si è ridotta al 22%. La restante quota è della stessa Fondazione castello di Padernello (16%), della Banca del Territorio lombardo ex BCC Pompiano e Franciacorta (10%) e della Fondazione cogeme Onlus (1%). Entrambe le proprietà hanno concesso in comodato d’uso gratuito trentennale l’immobile alla Fondazione di partecipazione denominata Castello di Padernello costituitasi il 15 dicembre 2005.

Quest’ultima si sta occupando della ristrutturazione architettonica e rivalutazione culturale di questo importante monumento storico.

La Fondazione non ha scopo di lucro e ha come oggetto sociale la riqualifica non solo del Castello ma anche del proprio territorio in disponibilità di intervento. La Fondazione dal 2016 si è proposta di rafforzare e integrare la governace pur continuando a coltivare il prezioso lavoro delle persone volontarie che prestano gratuitamente e con passione il loro tempo al Castello e alla comunità tutta.

"… un'avventura alla scoperta della nostra identità, delle nostre tradizioni, ma anche un viaggio alla ricerca della nostra anima
Domenico Pedroni – Presidente Fondazione Castello di Padernello. L’arte e la ricerca del "bello" inteso come recupero di un patrimonio architettonico sono le idee alle quali si sono ispirati i fondatori."

Si auspica la più ampia fruibilità da parte del pubblico attraverso ogni tipo di iniziativa compatibile con gli scopi della Fondazione, che porti il Castello e il borgo, ad essere un centro vitale, culturale, di storia e d’arte, inserendosi in un contesto più ampio di recupero di valori fondanti sull’educazione alla salvaguardia del patrimonio culturale per concorrere a rendere più stretto il rapporto tra la storia del territorio ed il suo futuro.

La Fondazione Castello di Padernello vuole essere un soggetto chiave per un nuovo e rinnovato rapporto tra essere umano, storia e natura.

La selezione delle opere finaliste e premiate avverrà a cura e giudizio insindacabile della Giuria nominata dall’Ente promotore del Concorso.

Di ogni sezione verranno selezionate e premiate tre opere.

Gli autori delle opere finaliste e premiate saranno avvisati via mail o telefono.

Per la sezione (unica) scuola elementare/materna

verranno assegnati:

un primo premio di 100 euro con trofeo in creta;

un secondo premio (targa di merito); un terzo premio (pergamena) .


Per la sezione scuola superiore di primo grado verranno assegnati:

un primo premio di 200 euro con trofeo in creta; un secondo premio (targa di merito);

un terzo premio (pergamena) .

Per la sezione scuola superiore di secondo grado

verranno assegnati:

un primo premio di 300 euro con trofeo in creta; un secondo premio (targa di merito);

un terzo premio (pergamena) .

Per la sezione scuola di cinema/università

verranno assegnati:

un primo premio di 400 euro con trofeo in creta;

un secondo premio (targa di merito); un terzo premio (pergamena) .

Per la sezione filmaker verranno assegnati:

un premio di 500 euro per il “Miglior Cortometraggio”

con trofeo in bronzo;

un premio di 500 euro per il “Miglior Documentario”

con trofeo in bronzo;

un premio di 500 euro per il “Miglior Corto di Animazione”

con trofeo in bronzo;

un Premio Speciale della Giuria con targa di merito;

un Premio Speciale della Giuria come migliore attrice/attore con targa di merito.

La Giuria del Concorso si riserva di assegnare ulteriori Premi Speciali, o di non assegnarli nel caso ritenga non ricorrano le le condizioni.
La classifica delle opere premiate si conoscerà soltanto durante la cerimonia di premiazione ufficiale. In tale occasione saranno proiettate tutte le opere premiate. Le date delle premiazioni e delle proiezioni saranno comunicate tempestivamente dopo l'avvenuta selezione delle opere a concorso.

Condizione necessaria per ricevere i premi in denaro di ogni sezione sopra menzionata è la presenza, durante la premiazione ufficiale, dell’autore dell’opera o di un suo rappresentante “ufficiale” con delega scritta.

I vincitori saranno ospiti della Fondazione Castello di Padernello.

CortoConfine International Film Festival

Concorso Internazionale del Cortometraggio

Prima Edizione 2019

Il Concorso Internazionale del Cortometraggio “CortoConfine” IFF 2019 è organizzato dalla Fondazione Castello di Padernello ed è diretto in ogni sua fase dalla Giuria composta da:

Giacomo Andrico (Direttore Artistico del Concorso)

Giacomo Colossi

Vilma Razzi

Marialaura Zanazza

Paolo Fossati

Massimo Morelli

La Prima Edizione del Concorso prevede due sezioni: A e B. A - Sezione a tema

… da stabilire

B - Sezione a tema libero


PARTECIPANTI

Scuole

Possono partecipare le scuole d’Italia e di tutto il Mondo (scuole dell’infanzia, elementari, medie inferiori, medie superiori ed equivalenti) con opere della durata massima di 10 minuti (titoli di testa e coda inclusi).

Al Concorso si può partecipare con documentari, cortometraggi, video di animazione realizzati da studenti singoli, gruppi di studenti, classi intere o scuole.

Le opere devono essere state realizzate non prima dell’anno 2015.

Le opere in lingua originale non italiana devono essere sottotitolate in italiano o in inglese.

Filmaker

Possono partecipare i filmaker d’Italia e di tutto il Mondo che abbiano compiuto la maggiore età (relativamente al paese d'origine), con opere della durata massima di 15 minuti (titoli di testa e coda inclusi).

Al Concorso si può partecipare con documentari, cortometraggi, video di animazione. Le opere devono essere state realizzate non prima dell’anno 2015.

Le opere in lingua originale non italiana devono essere sottotitolate in italiano o in inglese.

Scuole di Cinema/ Università del Cinema

Possono partecipare le Scuole di Cinema e le Università del Cinema sia italiane che di ogni altro paese del Mondo, con opere della durata massima di 15 minuti (titoli di testa e coda inclusi).

Al Concorso si può partecipare con documentari, cortometraggi, video di animazione. Le opere devono essere state realizzate non prima dell’anno 2015.

Le opere in lingua originale non italiana devono essere sottotitolate in italiano o in inglese.

Non saranno ammesse opere non leggibili o della durata superiore indicata.

​Non possono partecipare al Concorso

I componenti della Fondazione Castello di Padernello, i componenti della Giuria, i loro coniugi, parenti e affini e coloro che abbiano vincoli di collaborazione o relazioni professionali continuative con i membri della Giuria medesima e della Fondazione.

ISCRIZIONE E SCADENZA

L'iscrizione al concorso è gratuita e deve avvenire a mezzo scheda ufficiale scaricabile dal sito ufficiale del Film Festival.

SUPPORTI E SPEDIZIONE DEL MATERIALE

Sono ammesse al concorso opere riportate su supporto DVD o chiavetta USB.

Ogni DVD, o chiavetta, potrà contenere più opere.

Il tutto deve essere inviato a:

CortoConfine IFF

presso Fondazione Castello di Padernello, via Cavour 1, Padernello, 25022 Borgo S. Giacomo - BS

Le opere possono altresì essere caricate sulla piattaforma internazionale
FilmFreeway.

Ogni partecipante che non utilizzerà le piattaforme sopra indicate deve inviare il materiale (opera e scheda di iscrizione debitamente compilata, se non compilata online) in busta chiusa al seguente indirizzo:

CortoConfine IFF

presso Fondazione Castello di Padernello, via Cavour 1, Padernello, 25022 Borgo S. Giacomo - BS

Sulla busta dovrà esserci la scritta Partecipazione a “CortoConfine” Iternational Film Festival 2019 – Prima Edizione (non sono ammesse spedizioni con raccomandata con ricevuta di ritorno; è invece ammessa spedizione con corriere espresso o posta prioritaria).

Giacomo Colossi