Private Project

La Fabbrica del Sogno

La Fabbrica del Sogno è il prodotto di un esperimento formativo sul linguaggio cinematografico rivolto alle classi 3°Cat e 4°Cat dell'Istituto Fermi Galilei di Ciriè (Torino) .
Il progetto, nato da un idea della Prof.ssa Tarisso e dal regista Max Chicco, prevede un percorso didattico-formativo seguito da un lungometraggio realizzato nell’ambito del Piano Nazionale “Cinema per la Scuola”. Gli studenti dell’Istituto, futuri geometri, incontreranno professionisti del cinema, ridando vita al vecchio stabilimento dell’Ipca, la fabbrica del Cancro, che attraverso gli occhi di tre ragazzi cercheranno di scoprirne i misteri. Tra finzione e realtà racconteranno le vicende di una fabbrica che produsse colori all’anilina, provocando anni dopo la morte di centinaia di operai.

  • Max Chicco
    Director
    A big Love
  • Max Chicco
    Writer
    A big Love
  • Simona Rapello
    Writer
    A big LOve
  • Max Chicco
    Producer
    A big Love
  • Juan Rolando
    Producer
  • Grazia Perlo
    Key Cast
    "Andrea"
  • Mauro Giordano
    Key Cast
    "Michele"
  • Simone Poncini
    Key Cast
    "Christian"
  • Patrizia Pozzi
    Key Cast
    "Entità"
  • Eugenio Gradabosco
    Key Cast
    "Papà di Andrea"
  • Stefano Zanoli
    Key Cast
  • Project Type:
    Feature
  • Runtime:
    1 hour 32 minutes
  • Completion Date:
    March 22, 2020
  • Production Budget:
    200,000 EUR
  • Country of Origin:
    Italy
  • Country of Filming:
    Italy
  • Language:
    Italian
  • Shooting Format:
    Varicam 4k
  • Aspect Ratio:
    16:9
  • Film Color:
    Color
  • First-time Filmmaker:
    No
  • Student Project:
    No
Director Biography - Max Chicco

Max Chicco nasce nell’ottobre del 1968.
Laureato in Storia e Critica del Cinema all’Università di Torino con votazione 108/110, diploma di specializzazione in video-documentazione sociale nel 1992 presso la Cammelli Factory finanziato dall’Unione Europea, diploma post-laurea in filmmaking presso la NY Film Academy a New York nel 2000.
Nel 1995 fonda la società di produzione cine-televisiva Meibi con sede a Torino e con essa produce e realizza tutti i suoi progetti per conto di Rai, Sky, Regione Piemonte, Comune di Torino, Italfer Spa, Ente del Turismo e brand nazionali.

Nel 1994 realizza il suo primo 16 mm dal titolo “Lunedi mattina” che vince il Premio Qualità del Ministero della Cultura e molti festival nazionali.
Lo stesso anno dirige il documentario “Il Sig. Rossi prese il fucile” prodotto dalla Palomar per il programma Mixer di Giovanni Minoli e vince in quell’anno il Torino Film Festival - Spazio Italia.
Nel 1995 fonda a Torino la sua casa di produzione Meibi Produzioni Audiovisive con la quale ha prodotto la maggior parte dei suoi lavori più significativi (cortometraggi, documentari e un film lungometraggio).
Dal 1996 al 1998 produce e dirige una serie di cortometraggi in 35 mm presentati in diversi festival e distribuiti in esclusiva dalla Vitagraph di Bologna (Sospetto, Decibel, Topi d’albergo).
Contestualmente realizza una serie di produzioni corporate per marchi come Martini & Rossi, Ramazzotti, Pernod Richard, Lovable, Paravia, Italfer Spa, e nel 1999 entra a far parte con l’incarico di regista e autore nella struttura produttiva Rai Sat (digitale terrestre) e in particolare lavora per Rai Sat Show (danza-musica) Rai Sat Cinema, Rai Sat Premium (fiction) realizzando, anche come autore, programmi televisivi, speciali e documentari (Vertigo News, Magazine Tv, Città che danzano, Chi è di scena?).
Nello stesso anno inizia una fitta produzione di documentari che lo portano in giro per l’Italia, raccontando storie/ritratto a personaggi dal vissuto straordinario.
In collaborazione con l’Archivio del Movimento Operaio e Democratico dirige e produce due documentari a sfondo sociale/storico “Volevano portarci via le stelle” che racconta la storia della staffetta partigiana Marisa Scala (e il processo al suo carceriere, il boia di Bolzano Misha Seifert dopo quarant’anni di latitanza) e “I nuovi gladiatori” storia di giovani ingegneri che non trovano lavoro. Un’esperienza che lo porta a lavorare con il regista-autore Ansano Giannarelli (allievo di Cesare Zavattini).
Nel 2000 in collaborazione con Rai Trade scrive e dirige un programma sperimentale di realtà virtuale realizzato presso il Multimedia Park di Torino dal titolo “Cartoons on the Bay” mescolando in diretta animazioni in 2d e 3d con motion-capture.
Nel 2001 si trasferisce a New York, frequenta un master in Filmmaking alla New York Film Academy realizzando il corto di fine corso “Chocolate and Flowers”, vincitore l’anno dopo l’International Digital Award di Cinecittà.
L’11 settembre 2001 è a Manhattan e da quell’esperienza di dolore e desolazione nasce "Twin Towers: una Tragedia Americana", in concorso al Reel World Film Fest di Toronto 2001 e al Festival Libero Bizzarri 2002 e distribuito dalla società O2C di Los Angeles.
A New York lavora a Broadway realizzando per Rai Sat speciali per la televisione “Broadway on stage” e “Dance Step Off Broadway” (15 puntate direttamente dai Musical) e due documentari sul cinema indipendente newyorkese “Philip Kaufman: un tycoon a Tromaville” e “Cinema Indipendente a New York”.
Nel 2003 collabora con l’agenzia di pubblicità Estesa S.r.l. di Marco Zaccarelli realizzando una serie di prodotti audiovisivi per conto del Comune di Torino per musei e manifestazioni (tra gli altri, documentazione completa della costruzione del Passante Ferroviario di Torino).
Dal 2004 con la Meibi dirige e produce una serie di produzioni corporate per conto di Regione Piemonte ed Ente del Turismo di Alba Bra Langhe e Roero tra le quali “ Viaggio nella terra delle Langhe”, “Tartufo, un tesoro nel tempo” (presentato alla Fiera Internazionale del Tartufo di Alba) e “Il Conte di Cavour” (un piccolo film ancora in proiezione all’interno del castello), tutti mini-film che coniugano documentazione, fiction e pubblicità. Tutte queste produzioni sono state distribuite in dvd in sette lingue.
Nel 2006 in occasione delle Olimpiadi di Torino con Rai Sat Premium realizza il programma “ItalyArt: le Olimpiadi della Cultura”.
Nello stesso anno esordisce nella produzione del lungometraggio dirigendo “Saddam”, distribuito home video dalla Millennium Storm, uscito in venti sale con la Certificazione di Film d’Essai. Il film anticipa di qualche anno il dilagare dei reality nella nostra vita privata e si avvale della collaborazione dell’attore Frank Adonis (Toro Scatenato, Godfellas).
Continua la collaborazione con il canale satellitare Rai Sat Cinema, e nel 2008 è scelto dal canale Current Tv (fondato da Al Gore l’anno prima) per dirigere una serie di ritratti che vanno in onda sul canale Sky 130. Diventa così regista fisso del canale e realizza una serie di video inchieste “Psicofarmaci ai bambini” (in collaborazione con Alberto Coletta) e “Agenzie investigative in Italia”.
Nel biennio 2009-2011 dirige il progetto audiovisivo “Seven” sulla produzione ecosostenibile del vino in Piemonte, finanziata dal Ministero delle Attività Produttive, Unione Europea, e Antica Cantina di Canelli, che lo porta a presentare le sue produzioni all’Expo di Shanghai nel 2010 e presso le Nazioni Unite a New York (22 settembre 2010).
Nel 2011 realizza un progetto audiovisivo per l’artista Michelangelo Pistoletto in occasione di una performance a Bordeaux, prodotto dalla Cittàdellarte di Biella.
Nell’ultimo periodo dirige una serie di spot per marchi quali Born in Turin (turismo), Fisac (sindacato), Movie on Demand (tv), Libero (telefonia) Ebay (web) e Max Zappa (abbigliamento) e si è occupato di formazione audiovisiva per conto di Intesa San Paolo, realizzando due format sperimentali di cinema interattivo (scelta multipla da parte del pubblico).
A gennaio 2013 è selezionato in qualità di produttore dalla Biennale College con il progetto “Yuri Esposito” (su 458 progetti presentati nel mondo, solo tre hanno passato la selezione) e realizza il film presentato al 70° Festival Internazionale di Venezia, al festival di Stoccolma e al Torino Film Festival.
Nel 2014 cura la parte audiovisiva del Festival Internazionale Mirabilia di Circo Contemporaneo e cura la regia di due progetti audiovisivi per conto del Teatro Regio di Torino.
Insieme all’artista Simona Rapello presenta il progetto “Anyone but me” a cura di Marco Zaccarelli all’interno della manifestazione The Others parte Off di Contemporary Art.
Nel biennio 2004-2016 realizza una serie di produzioni per conto associazioni di volontariato e no profit torinesi seguendo ragazzi con problematiche in progetti teatrali.
Continua il suo lavoro di pubblicitario e nel 2016 inizia con Sandro Bozzolo e Marco Zaccarelli un progetto di documentario creativo “Salon Olympia - Los Hermanos del Cine” in collaborazione con il Museo del Cinema di Torino e la Fondazione Patrimonio Filmico Colombiano. Un breve film di materiali d’archivio (inizi novecento) che raccontano la storia di due fratelli italiani che crearono un impero cinematografico a Bogotá. Il film è una co-produzione Italo-colombiana.
Nel 2017 Max Chicco è stato selezionato da Nespresso Talent con il suo progetto 9:16 dal titolo “SuperGirl”, un breve corto per sensibilizzare il pubblico contro la discriminazione.
https://vimeo.com/262549761

Il suo ultimo mediometraggio dal titolo Amore Grande interpretato da Paolo Graziosi ha vinto quindici premi in festival internazionali (New York, Boston, Sidney, Vienna, Berlino, Ginevra, Palermo, Venezia) ed è distribuito dalla Hewes Pictures di New York sulla piattaforma Amazon Prime USA & UK.
Nel 2018 Max Chicco con la sua Meibi si aggiudica due bandi Miur – Mibac Il Cinema per la Scuola. Due progetti ambiziosi, mescolare la formazione con la professione: grazie all’alternanza “Scuola e Lavoro” alcuni ragazzi delle scuole secondarie parteciperanno ala realizzazione di due film, esperimento unico in Italia.
Negli ultimi mesi Max Chicco sta curando la regia di una campagna di comunicazione audio video per conto dell’Odontoiatria Sociale (Sermig, Banco Alimentare, Asili Notturni, Camminare Insieme, Misericordiae) che accompagnerà il Crowdfunding sulla piattaforma Starteed promossa e voluta dalla Fondazione San Paolo di Torino.

Add Director Biography